Nuovo libro:
Calendario:
Follow me:
Articoli recenti

All’epoca del cacciatore, la danza si faceva attorno al fuoco.

Gli esseri umani, dopo la caccia, pregavano in questo modo l’universo. Era un rito necessario per quelle creature, che sentivano di dover in qualche modo scontare alla natura un debito: quello di essersi affrancate dal giogo della sopravvivenza dettato dai ritmi a cui sottostavano tutti gli altri animali. Diventando predatore, l’essere umano costruiva fauci e artigli con lance e frecce.

Incline alla mimesis del sé e dell’altro da sé, aveva modificato la sua natura in qualcosa di dinamico e in costante trasformazione. L’essere umano era predatore e preda allo stesso tempo.

Caccia e danza, dalla preistoria a oggi.

Ma il fare come se fosse l’altro, umano o animale che fosse, gli aveva concesso anche una compartecipazione con ciò che uccideva. Uccidere attraverso la caccia era un’esperienza oscura, dove qualcosa cessava di essere visibile e sconfinava nel regno dell’invisibile, in un luogo pullulante di presenze con cui si continuava a dialogare. In questo tempo lontano, attorno al fuoco, l’essere umano guardava al cielo come un punto di riferimento eterno e imperituro.

Grazie al moto ciclico delle sfere celesti l’essere umano, cacciatore vulnerabile, trovava la sua collocazione nell’universo.

Le origini della danza attorno al fuoco.

I giorni della caccia e delle danze attorno al fuoco sono ancora nelle nostre cellule, assieme ad antiche visioni del mondo. L’alchimia non nasce come scienza fine a se stessa, così come la conosciamo oggi, ma sboccia proprio dalla conquista della materia per mezzo del fuoco e custodisce il segreto iniziatico che unisce l’umanità al cielo.

In “Danza e Alchimia” Damiano Fina riconduce la danza alle sue origini per illuminarne il futuro, senza trascurare la storia della performance a cavallo tra XX e XXI secolo. Presto disponibile su Amazon!

Leggi il libro Danza e Alchimia

"Sensing vertebra by vertebra. Art is a vulnerable hunt."

Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!
X