Prossimi Eventi

Guarda i Video

Quando danzi, la tua pelle s'illumina!

La danza rituale è la danza dell’entanglement. FÜYA è una pratica basata sulla ricerca artistica Damiano Fina sul corpo alchemico e la danza rituale.

Più che una danza, la danza rituale è una pratica sciamanica. La danza rituale abbraccia ciò che è visibile e l’invisibile. Il suo è un messaggio contro la società moderna che è sempre focalizzata sull’apparenza e, nella danza, ricerca solo il miglior “gesto atletico”. La danza rituale rigetta questa visione del mondo portando la nostra attenzione a concentrarsi su uno stile di vita più spirituale, mai religioso, vicino alla natura e all’alchimia.

Durante le più intime sessioni di danza rituale, performance e workshop entri in uno “spazio tra i mondi” o, meglio, di uno stato di espansione dell’organismo e della coscienza che riconduce all’entanglement dell’universo, senza giudizi, dove tutto è in costante trasformazione e non esistono dualismi.

Per Kazuo Ohno, quando il danzatore butoh cade non atterra sul pavimento ma in un altro mondo. La danza rituale disserra nuove dimensioni nelle quali il tempo e lo spazio fluiscono in modo diverso.

Questi viaggi in mondi diffrattivi sono possibili grazie alla dimensione rituale della danza, durante la quale vengono abolite tutte le differenze tra bello e brutto, maschile e femminile, esseri umani e natura. La danza rituale è una pratica basata sulla metamorfosi e sulla trasformazione.

La danza rituale evoca l’importanza di connettersi con la dimensione rituale dell’esistenza all’interno della quale si rende palese la costante materializzazione del mondo. Una dimensione performativa che dona espressione al continuum esistenziale nel quale siamo tutti coinvolti e che ci commuove.

error: Content is protected !!